modena
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
Wednesday, 01 October 2014 - 05:57
X
ECONOMIA

Lambrusco per tutti: export da record nel 2011

I dati di Coldiretti parlano di risultati storici nel campo delle esportazioni: +21% grazie al successo estero dei lambruschi emiliani
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Con il lambrusco in forte crescita sui mercati esteri, il 2011 ha fatto registrare il record storico delle esportazioni di vino italiano nel mondo dove le aziende italiane hanno realizzato un fatturato stimato in 4 miliardi di euro, in aumento del 14 per cento rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti sulla base degli andamenti rilevati dall’Istat nel commercio estero dei primi nove mesi del 2011 nel sottolineare che, secondo i dati della Regione Emilia Romagna, l’export dei vini regionali ha registrato un più 21% sostenuto soprattutto dalla performance dei lambruschi con il Lambrusco DOC di Modena esportato per il 45% della produzione e l’IGT Emilia, tipologia Lambrusco, per il 70%.

 

Il vino si classifica come la voce più importante dell’export agroalimentare nazionale con oltre la metà del fatturato all’estero che - sottolinea la Coldiretti - viene realizzato nei Paesi dell’Unione europea dove si registra un aumento in valore del 13 per cento, con la Germania in testa tra i paesi comunitari che apprezzano il vino Made in Italy. Poco meno di un quarto del fatturato estero viene invece ottenuto negli Stati Uniti con un aumento record in valore del 17 per cento nel 2011. La vera sorpresa - continua la Coldiretti - viene pero’ dai paesi asiatici a partire dalla Cina dove le esportazioni di vino sono praticamente raddoppiate (+87 per cento)

 

Il risultato sui mercati esteri è di buon auspicio per la vendemmia appena conclusa che - rileva sempre la Coldiretti - è risultata di buona qualità ma su livelli produttivi da minimo storico con un calo record della produzione di vino del 14 per cento per una produzione stimata attorno ai 40 milioni di ettolitri. Sul piano qualitativo oltre il 60 per cento della produzione è stata destinata a uno dei 517 vini Docg, Doc e Igt riconosciuti in italia. Per effetto del crollo nella vendemmia l’Italia - conclude la Coldiretti - perde il primato quantitativo mondiale nella produzione a favore della Francia balzata oltre i 50,2 milioni di ettolitri (+11% rispetto al 2010) ma rischia di essere superata anche dalla Spagna dove il calo è stato contenuto al 2 per cento per un totale di 39,9 milioni di ettolitri.

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionemodena@ilsitodimodena.it