modena
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
Thursday, 23 October 2014 - 16:25
X
L'EVENTO

Museo Ferrari, inizia il conto alla rovescia e la città si tinge di giallo

In attesa dell'inaugurazione del Museo Casa Natale del 10 marzo, Modena si prepara con alcuni appuntamenti e un po' di marketing. Sarà un vero successo?
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Decine di striscioni orizzontali e verticali, stendardi, totem e pannelli informativi, 3 mila bandiere, una struttura con stendardi nella rotonda del Tempio, una “porta d’ingresso” in via Paolo Ferrari, riflettori che colorano i principali monumenti cittadini. Tutto rigorosamente in giallo, “giallo Modena”, il colore della città, che è anche “giallo Ferrari” da quando il fondatore della scuderia del cavallino rampante lo scelse come colore di fondo del suo marchio. Gialli saranno gli striscioni sotto i portici e gialle le bandiere alle finestre dei palazzi o esposte nei negozi, così come gli stendardi che saranno appesi ai pali dei lampioni e le luci proiettate sul Palazzo ducale, il Palazzo dei Musei, l’ex ospedale sant’Agostino, la Ghirlandina e il Duomo.

 

Tutto questo è “Onda gialla”, l’intervento di segnaletica e arredo urbano del Comune di Modena che segnerà i percorsi dal centro storico e dalla stazione al nuovo Museo casa Enzo Ferrari, che sarà inaugurato il prossimo 10 marzo. I lavori per le installazioni di “Onda gialla” incominciano oggi, martedì 14 febbraio, e l’inaugurazione avverrà ufficialmente sabato 18 febbraio, anniversario della nascita di Enzo Ferrari, quando in piazzetta delle Ova alle 11 partirà il conto alla rovescia verso l’apertura del Museo. Sopra l’arco che immette nei portici di piazza Grande sarà accesp, infatti, un orologio digitale, offerto dalla ditta Lowell, che scandirà il countdown segnando ore, minuti e secondi mancanti all’inaugurazione.

 

Le 3 mila bandiere gialle, formato 90 per 60 centimetri con la grafica del museo, saranno distribuite dal Comune ai commercianti e a chi - istituti culturali e bancari, uffici e alberghi - si impegna ad esporle alle finestre lungo i tre percorsi individuati.

 

Il primo parte da piazza Grande e prosegue in via Emilia, corso Canalgrande, corso Vittorio Emanuele, piazzale Natale Bruni e via Paolo Ferrari. Il secondo parte sempre da piazza Grande per via Farini, piazza Roma, via 3 febbraio e corso Cavour per poi riunirsi al precedente percorso in corso Vittorio Emanuele. Il terzo itinerario, infine, parte dalla stazione delle Ferrovie dello Stato e raggiunge piazzale Natale Bruni per poi proseguire fino all’ingresso del museo in via Paolo Ferrari.

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionemodena@ilsitodimodena.it