modena
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
Friday, 31 October 2014 - 22:18
X
SISMA /3

Terremoto, 6 vittime e 80 feriti. Sono 1500 gli sfollati

Nessuna vittima sul territorio, modenese, ma nelle vicine province di Ferrara e Bologna. Sono 4 operai e due cittadini colpiti da malore. Medici e Protezione Civile lavorano senza sosta
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Mentre la terra continua a tremare imperturbabile, si fanno i primi conti dei danni a persone e cose, nei comuni della bassa modenese e delle prince limitrofe.

E' salito a 6 il numero delle vittime accertate. Si tratta di 4 uccisi dal crollo dei capannoni in cui stavano lavorando nei turni notturni: due alla Sant’Agostino Ceramiche, un altro alla fonderia Tecopress di Dosso e un altro ancora in una azienda di polistirolo a Ponte Rodoni di Bondeno.

 

Sono due invece le vittime stroncate da un malore, in seguito al forte spavento: si tratta di una donna ultracentenaria residente a Sant’Agostino e di una cittadina tedesca di soli 37 anni, che si trovava a Bologna per motivi di lavoro.

 

In tutta la provincia si contano 80 feriti non gravi, ricoverati nei diversi presidi di Pronto Soccorso ricoverati nei pronto soccorso della provincia di Modena: 30 all'ospedale di Carpi e 50 in quello di Mirandola, la cui attività è per altro ridotta per verifiche sull'agibilità della struttura stessa. Si tratta in larga parte di persone colpite da calcinacci o oggetti che sono crollati durante le due scosse più intense verificatesi nella notte.

 

Si contano invece in circa 1500 le persone sfollate, tra anziani e malati residenti in ospedali e strutture protette e semplici cittadini le cui abitazioni sono state dichiarate inagibili. La Protezione Civile lavora in stretta collaborazione con i Carabinieri e il personale sanitario, per allestire centri di accoglienza e primo soccorso. Già operativi i centri di Medolla, Camposanto e Finale Emilia, in allestimento anche a San Felice e Mirandola.

 

Anche il capo della Protezione civile Franco Gabrielli è arrivato in mattinata sulle zone più colpite dal sisma, prima a Ferrara poi a Modena, per coordinare le azioni di soccorso e messa in sicurezza dei centri urbani. La regione Emilia-Romagna chiederà lo stato di calamità nazionale.

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionemodena@ilsitodimodena.it